Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
23 luglio 2014 3 23 /07 /luglio /2014 17:43

 

 

Il petrolio in quest'ultimo periodo è stato protagonista sui mercati, a seguito delle variazioni repentine dei prezzi, influenzati da una serie di fattori. Oltre i dati fondamentali, quali il valore di scorte, della produzione e di consumo, anche gli scenari geopolitici, rappresentati in primis dalle tensioni e guerriglie in atto in Iraq e Libia.

Per quanto riguarda i dati fondamentali, sono venuti alla luce i numeri delle scorte, con i dati diffusi della EIA (Energy Information Administration) che ha evidenziato una riduzione di 7.53 milioni di barili, un valore di molto superiore alle attese di mercato.

 

Oltre ai dati prettamente numerici, la preoccupazione dei mercati negli ultimi giorni si è incentrata

 

sui conflitti in corso in diverse aree del mondo, essendoci una forte correlazione con i prezzi del petrolio: ci riferiamo a Libia ed Iraq.

 

In Libia la tensione crescente ha causato un rialzo dei prezzi di Brent e WTI, anche se ultimamente sta rallentando, dopo che i ribelli hanno riconsegnato al governo alcuni importanti siti, permettendo così la ripresa delle attività di estrazione ed esportazione. Ecco quindi che l'immissione di nuovo oro nero sul mercato ha in un certo modo calmierato le quotazioni. Questo per quanto riguarda il fattore libanese.

 

In Iraq purtroppo l'escalation di violenza sembra ancora non volersi fermare, e proprio con l'acuirsi degli scontri, i prezzi di WTI e Brent toccavano i massimi del periodo.

Occorre comunque osservare che la serie di attacchi registrata nel paese ha interessato soltanto la parte nord, non intaccando minimamente le regioni più a sud, dove in realtà è concentrata la maggior parte delle attività estrattive. Al momento non sembra esserci alcun rischio di una imminente interruzione di approvvigionamento proveniente da questi territori.

 

Il governo iracheno sa benissimo che la zona sud è il fulcro del paese per quanto concerne la capacità estrattiva dell'oro nero e pertanto presta molta attenzione al riguardo, disponibile a mettere in campo tutte le forze necessarie per proteggere un'area di vitale importanza per il paese.

Bisogna osservare come le notizie geopolitiche relative ad importanti aree produttive, provocano una notevole influenza sulle quotazioni del petrolio, le basi da cui partire per prevedere le tendenze dell'oro nero sui mercati.

 

Nel frattempo alcune principali banche d'affari hanno diffuso nuove stime ove si prevede un calo dei prezzi delle materie prime per l'elevato accumulo di scorte. Il Brent dovrebbe scendere a quota 100 $/bbl.

 

Ecco perché gli analisti ritengono che nel corso dei prossimi anni potremmo assistere ad una forte riduzione delle quotazioni delle commodities, con in testa proprio il petrolio.

Condividi post
Repost0

commenti

Presentazione

  • : Trading petrolio
  • : Notizie sulle quotazione del petrolio, fare trading con il petrolio, guadagnare soldi con il petrolio
  • Contatti

Migliori broker

Scoprite i migliori broker per fare trading di petrolio: broker affidabili e convenienti, adatti a tutti i tipi di trader.


 

Link